Bestie senza regole

Mi sorprende constatare che nel 2013 ancora l’educazione e la civiltà siano un optional. Davo per scontato che così non fosse. Genitori, prestate attenzione a cosa fanno e dicono i vostri figli, perché vederli strillare volgarità per strada prendendosela con chiunque incontrino, forse sotto l’effetto di chissà cosa, è triste, per loro, per voi e per il nostro paese. Forse non se ne rendono conto, sentendosi forti nel branco (essendo loro più simili alle bestie), credendo che sia giusto così, che sia segno di forza e fonte di rispetto. E’ una vergogna. Mi schifo e mi chiedo quante possibilità ci siano che questi ragazzi diventino persone diverse, serie, equilibrate, se già peccano terribilmente all’abc del vivere nella società. Seriamente. E’ un’immensa vergogna.

Advertisements

2 thoughts on “Bestie senza regole

  1. Hai ragione, si vedono e si sentono cose allucinanti. Sicuramente sono frutto di una società superficiale, dove presenza e benessere sembrano essere le priorità, e purtroppo siamo scoppiati; ma anche la famiglia è totalmente assente, vedo genitori più piccoli dei loro figli; l’irresponsabilità regna da tempo ormai. Non c’è controllo, ordine, dolcezza, rassicurazione….La famiglia è in crisi. Per quanto riguarda le bestie faccio una differenza sostanziale: la bestia (e non mi piace la definizione), o meglio l’animale vive in branco per intuito, l’animale non è razionale ma istintivo, deve lottare con la natura per sopravvivere; l’uomo ha l’intelligenza, quindi il ragionamento e questo fa di lui un essere speciale; oggi lo fa un essere stolto e minimo rispetto al mondo animale. Prima o poi la natura ci mangerà.

    • Hai perfettamente ragione. “Bestie” era per insultare questi esseri che vivono come se fossero randagi senza regole. Ma gli animali sono troppo spesso migliori degli uomini. La famiglia è il vero grande problema, siamo noi che decidiamo come deve essere la nostra società,siamo noi che la facciamo. Ed io vedo troppi genitori che mettono al mondo con superficialità e crescono i propri figli dimenticandosi di qual grande dono hanno e di come esso debba essere custodito con cura fino ad insegnargli a saper affrontare la vita solo. Questi ragazzi sono vittime, un domani si ritroveranno senza nulla, senza speranze, senza futuro, solo con un grande odio dentro. Provo pena per loro.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s