Enjoy yourself!

Non so come sia andata la vostra estate,ma spero sia stata meravigliosa! o più bella della mia! Perché infondo certi anni,certe possibilità,certi momenti non ritornano più.. Sento persone di 60 anni che si pentono di non aver fatto ciò che è bello fare a 20-30 anni. Le cazzate servono, tutto serve. Avendo visto ciò che di brutto la vita ci può riservare, ho deciso. Ho deciso che voglio sorridere ogni giorno,che non voglio dare la possibilità a nessuno di rovinare le mie giornate con problemi ridicoli o discussioni insensate. Che affronterò le difficoltà con calma e le sconfiggerò. Che la vita è una e, per quanto sia una frase scontata, merita di essere vissuta al massimo! Ci sono persone che non hanno nulla e riescono a trarre felicità da quel poco che possiedono, e persone che hanno tutto e sono perennemente infelici. È il controsenso della vita e dell’animo umano. Quant’è strana la felicità, non sai dietro cosa si cela, non sai mai cosa può effettivamente significare per te, eppure lei è lì che aspetta il momento buono per manifestarsi anche per un solo secondo! E tu sai che c’è e che potrebbe arrivare, ed a me già questo basta! Sarebbe bello se tutti imparassimo a convivere aiutandoci a vicenda,sarebbe un mondo pieno di vite felici..ok ,suona tipo discorso da aspirante miss mondo! Giuro, non parteciperei neanche se me lo potessi permettere. Dato che i miei pensieri vagano senza un filo logico, stavo pensando che passiamo così tanto tempo a lamentarci di problemi stupidi quando abbiamo sempre un motivo per sorridere. Let’s smile!

Rigirarsi nel letto

Mi sento stretta in questa città, beh per essere anche in quell’altra. Ok,mi sta stretto questo paese,ho bisogno d’altro,ho bisogno di respirare libertà,sogni, opportunità , di vivere storie da film. E pensandoci, se ne facessero uno sulla mia vita riscuoterebbe un gran successo: “Lunatica: la donna che incasinava tutto solo respirando”! Perché io sono così, dopo un pó capisco che non posso andare avanti fingendo che per me sia tutto perfetto, ho bisogno d’altro e nessuno ad oggi è riuscito a stare dietro il mio pazzo ed incomprensibile carattere. Io voglio di più,sempre di più. Non so se sia un bene o un male ambire al massimo. Che sia chiaro, questo riguarda tutto, non c’entra solo con le storie d’amore. Non sono quella che cerca l’uomo perfetto, ed intanto non cerco,ma spero di incontrare per caso l’uomo imperfetto perfetto per una strana come me. Non adesso, era da anni che non stavo così bene. Libera e spensierata. Sembra tanto una di quelle frasi idiote che dicono tutte quelle che si vogliono fare le fighe, quindi specifico che a me di fare la figa non importa nulla! Io voglio semplicemente godermi la vita, trarre da ogni cosa ciò che di bello può offrire. Amo cantare e ballare in mezzo alla strada quando sento che ne ho voglia, amo stare con i miei amici a ridere con le lacrime per nulla. Grazie alle spiacevoli esperienze vissute ho imparato che posso dare tutto agli altri,in cambio voglio solo sorridere ogni giorno, tornare a casa soddisfatta di me, soddisfatta di una cazzata fatta. O almeno,non insoddisfatta. Le difficoltà ci sono per tutti ed io a differenza di molti sono una ragazza fortunata e me lo ricordo ogni giorno.

Morale della favola…brutta bestia l’insonnia!

Facebook

Leggevo lo stato raccapricciante di una ragazza, che dice una roba simile a “mi elimino da fb perché non ce la faccio più,grazie per il sostegno ecc”….la mia espressione è stata simile a uno che becca i genitori che fanno sesso sul tavolo della cucina. Ed ho iniziato a riflettere su quanto i social network influiscono sulla nostra quotidianità e nei rapporti con le persone. Ho tristemente constatato che hanno cambiato il modo di vedere le cose. Vediamo qualche esempio. Ora la gelosia si basa su un “mi piace” ad una foto, visto come atto di apprezzamento verso una qualità fisica del soggetto fotografato, quindi ora niente più occhiate nascoste al sedere di quella con la minigonna che ti passa accanto,basta un virtuale pollice in su. Si ha la possibilità di partecipare a concorsi fotografici di tutti i tipi, da “fotografa la tua città” a “le foto più belle della settimana” fino al classico concorso “Miss qualcosadimoltoidiota”, con foto perfette per calendari hot degni delle più rispettabili e classiche officine meccaniche. Come nella realtà una ragazza più è nuda più corteggiatori ha, su Facebook più si mettono foto osé più “mi piace” si hanno, questo vale anche per gli stati delle suddette ragazze, tipo <>—> 175 “mi piace”. Vanno forte le foto delle gambe al mare e se si esce anche solo per un gelato bisogna dedicare un album fotografico all’uscita. Stringere amicizia con qualcuno è un passo importantissimo, così come togliere l’amicizia è un affronto gravissimo (gli -issimo cercano di rendere l’idea sulle forti emozioni contrastanti che scaturiscono dai fatti citati). Bloccare qualcuno poi è come una tacita denuncia. Per non parlare della profondità dei pensieri, ogni giorno possiamo essere deliziati dalla conoscenza altrui riguardo numerose citazioni famose, quelle di Oscar Wilde vanno per la maggiore. Meravigliosi i commenti dei genitori che elogiano le fattezze dei figli, cercando quindi di aumentare l’autostima familiare. Bambini di 10 anni liberi di postare foto qualsiasi (bravi genitori noncuranti della pedofilia, poi aspettate la tragedia per diventare parte integrante di Pomeriggio Cinque). E ultimo, ma non meno importante, quanto è bello vedere l’amore,l’educazione,la cortesia di un uomo che augura una buona giornata/nottata ad una pagina virtuale? Insomma ragazzi, chi ancora non l’ha fatto,ragazzini di 5 anni, che aspettate? Iscrivetevi a Facebook!
Ovviamente non ritengo che il problema sia Facebook,sarebbe stupido pensarlo,il problema è l’approccio delle persone ad un mezzo che può passare da innocuo a deleterio in pochissimo tempo. Come sempre il problema siamo noi!

20130705-003714.jpg

X

Giochi stagionali

Chissà perché la Settimana Enigmistica raggiunge vendite record d’estate! È proprio un must della stagione, quindi solo a Luglio e ad Agosto mettiamo il nostro cervello in allenamento? In ogni caso è una rivista che mi ha sempre affascinata,sarà per lo stile rimasto immutato nel tempo. Andando a curiosare in giro ho trovato un interessante articolo con cui ho scoperto cose che neanche immaginavo, ne riporto qualche pezzo. Leggetelo!
X

“Un vero rompicapo. Nel senso che con la Settimana Enigmistica ci siamo letteralmente spaccati la testa sbattendola contro la porta della loro redazione. Avremmo voluto entrarci in quel palazzone in piazza Cinque Giornate a Milano dal quale ogni sette giorni escono parole crociate, rebus ed enigmi per farci raccontare, e raccontare a nostra volta, la storia e – perché no? – i segreti di uno dei colossi dell’editoria nostrana. Abbiamo bussato e hanno risposto, ma senza aprire. Perché non aprono a nessuno, da sempre.
«Riceviamo continuamente richieste da giornalisti,» racconta al telefono Fortunato Oliviero, da vent’anni redattore della Settimana Enigmistica: «Ci hanno chiamati anche Maurizio Costanzo e Fabio Fazio, ma non abbiamo mai ceduto. Non perché facciamo i preziosi, ma perché teniamo alla privacy e difendiamo il nostro know-how». Già, ottant’anni di passatempi e vignette umoristiche hanno fatto della Settimana Enigmistica, come insegna il famoso slogan, «la rivista che vanta innumerevoli tentativi d’imitazione»…Siamo andati a trovare Bartezzaghi allo Iulm di Milano, dove dallo scorso ottobre insegna Semiotica dell’enigma: «Posso dirvi poco, e in realtà ne so poco anche io»…«La loro forza è la tradizione,» dice al telefono un collaboratore della Settimana Enigmistica che chiede l’anonimato: «Periodicamente vengono fatte delle proposte di rinnovamento grafico e dei contenuti, ma è una macchina lenta. L’unica piccola rivoluzione è stata l’introduzione del colore, ogni tanto».
La Settimana Enigmistica, priva di pubblicità e riservatissima, la scorsa estate è ricomparsa sul piccolo schermo grazie a una serie di brevi spot realizzati da Ogilvy&Mether. «Per noi è qualcosa di più di una semplice rivista,» spiega Roberto Greco, direttore creativo dell’agenzia: «A noi, come a tanti Italiani, piace perché è sempre se stessa: non ha ceduto alla lusinga del colore, non ha concesso pagine alla pubblicità, non ha cambiato quasi nulla. Quindi, andava fatta solo una cosa: celebrare una delle icone rimaste in Italia.»…Insomma, l’enigma della Settimana resta irrisolto ma, se è vero che non siamo riusciti a vedere le scrivanie di Anderson, Urania, Mad e Max (non manca il senso dell’umorismo da quelle parti), una cosa comunque l’abbiamo scoperta: non usano i computer, preparano ancora i cruciverba con un foglio di carta e una matita. Ecco dove forse sta il fallimento degli innumerevoli tentativi di imitazione. Nella tecnologia.”

Da rivistastudio.com!! Vi incollo il link: http://www.rivistastudio.com/editoriali/media-innovazione/lenigma-della-settimana/

20130629-194259.jpg

Maggio???

Il mio calendario segna 30Maggio, ma GIURO, c’è qualcosa che non va! Fino ad un’ora fa qui da me c’era sole ma non caldo,16 gradi non sono quello che mi aspetto di questi tempi, ma almeno ho potuto togliere la sciarpina 10 min, dopo mezz’ora esco di nuovo e le vedo, fitte, dense nuvole grigie che la fanno sopra la città. Avevo indosso i seguenti indumenti: jeans, maglietta a maniche corte, maglioncino, giacca, sciarpina ed avevo freddo. Ricordo che l’anno scorso uscii quasi con i capelli bagnati, t-shirt e pantaloncini….mi ripeto(l’assurdità della cosa non mi lascia altra scelta), C’E’ QUALCOSA CHE NON VA se a fine maggio mi colpisce il raffreddore. Mancano 2 giorni a Giugno e non so cosa aspettarmi. Però so che mi aspetta…che depressione! Ma non bisogna buttarsi giù d’animo, certo è che avrei bisogno di qualche integratore, qualcuno ha suggerimenti???? Nel frattempo, avendo fatto la spesa ho pensato ad un video di una canzone ed alle cose che al supermercato non accadono mai. A dopo…

Storie, sentimenti e pippe mentali degne di Tarantino.

Pensavo….perché le persone sono stupide? Perché corteggiare, stare con qualcuno e mollarsi è così complicato? Allora,facciamo ordine: donne e uomini cercano il modo più sexy di vestirsi ed atteggiarsi per conquistare sguardi e complimenti dal sesso opposto. Donne,dovete davvero mostrare più centimetri di pelle per conquistare qualcuno? Non siate tirchie con il tessuto, la vostra (volgare) nudità grida al mondo disperazione ed insicurezza, attira gli approfittatori di cui poi vi lamentate tra le lacrime con le amiche! Uomini: dovete davvero fare i fighi,i cafoni maleducati,viscidi ed i finti stronzi per non andare a letto a bocca asciutta? La triste verità è:  SI, è così se per una sera vogliamo andare a dormire in compagnia o il nostro letto ci sembra troppo grande per non condividerlo con qualcuno! Questo per colpa di chi? Chi ha iniziato a rendere le cose più complicate??? NOI! Perché le donne preferiscono lo stronzo, perché le donne amano essere rifiutate, ecco perché odio tutte le ragazze che si lamentano dei ragazzi stronzi che prendono in giro,le usano e rifiutano! La faccenda è più facile di ciò che sembra nelle testoline malate dei vittimisti: non c’è differenza di sesso per queste cose! A tutti piacciono le cose intriganti, tutti si annoiano quando hanno accanto qualcuno che pende dalle proprie labbra, tutti si annoiano quando chiedono “che facciamo?” e si sentono rispondere “quello che vuoi tu!”!!! Il 70% delle persone,riguardo il partner ideale, dice “io ho bisogno di qualcuno che mi tenga testa”,un’altra percentuale(di donne) dice “vorrei vivere un amore da favola”. Il 100% almeno una volta nella vita è stato preso in giro da qualcuno a cui non importava nulla di noi! Si presuppone che questa unica esperienza serva da lezione ed invece tornate sempre a fare gli stessi errori! Ora io mi chiedo: PERCHÉ? Vi piace lamentarvi? Vi piace piangere? Che qualcuno mi spieghi perché non si accontenta di quell’unica esperienza? Se avete sempre dubbi lasciate perdere,non vi annoiate a stare con l’ansia, con la preoccupazione che il partner vi tradisca? Una storia deve farvi stare bene, quando questo unico presupposto viene a mancare LASCIATE PERDERE! Ed imparate a stare bene prima di tutto con voi stessi, poi potrete stare bene con gli altri! Sono una che vuole fare la sapientona senza sapere niente di queste cose? CAZZATA!