Prova costume…FAIL

Quest’anno non ci siamo proprio! Mancano pochi giorni ed inizierà anche la mia estate. E non sono ASSOLUTAMENTE preparata!!!!!! AAA Cercasi: modo efficace per cacciare maniglie dell’amore(finito,morto e sepolto) e pancetta in 2 settimane massimo!!!!! Non ho intenzione di digiunare o mangiare cose strane, io amo mangiare(non vedo come si possa non farlo),quindi puntavo ad un’alimentazione più sana accompagnata ad una buona dose di jogging e addominali. Ho comprato anche un bel bikini da Calzedonia…….temo che dovrò usare un costume intero contenitivo se la situazione è questa! L’orda di aspiranti miss in spiaggia la domenica non fa bene alla mia autostima! Vorrei perdere qualche chilo per il mio benessere fisico e mentale(rischio di affettarmi in preda alla pazzia o guardarmi arrabbiata fino a fare esplodere lo specchio in mille pezzi, e poi altro che 7 anni alla Berlusconi!.)..ed anche per non dover comprare altri vestiti, c’è crisi!!! Non sono un’ossessionata del fisico, anche perché sennò non sarei ingrassata, ma se si può migliorare perché non farlo? Ce la farò!!!!!!!!!!!!!(forse)
X

Giochi stagionali

Chissà perché la Settimana Enigmistica raggiunge vendite record d’estate! È proprio un must della stagione, quindi solo a Luglio e ad Agosto mettiamo il nostro cervello in allenamento? In ogni caso è una rivista che mi ha sempre affascinata,sarà per lo stile rimasto immutato nel tempo. Andando a curiosare in giro ho trovato un interessante articolo con cui ho scoperto cose che neanche immaginavo, ne riporto qualche pezzo. Leggetelo!
X

“Un vero rompicapo. Nel senso che con la Settimana Enigmistica ci siamo letteralmente spaccati la testa sbattendola contro la porta della loro redazione. Avremmo voluto entrarci in quel palazzone in piazza Cinque Giornate a Milano dal quale ogni sette giorni escono parole crociate, rebus ed enigmi per farci raccontare, e raccontare a nostra volta, la storia e – perché no? – i segreti di uno dei colossi dell’editoria nostrana. Abbiamo bussato e hanno risposto, ma senza aprire. Perché non aprono a nessuno, da sempre.
«Riceviamo continuamente richieste da giornalisti,» racconta al telefono Fortunato Oliviero, da vent’anni redattore della Settimana Enigmistica: «Ci hanno chiamati anche Maurizio Costanzo e Fabio Fazio, ma non abbiamo mai ceduto. Non perché facciamo i preziosi, ma perché teniamo alla privacy e difendiamo il nostro know-how». Già, ottant’anni di passatempi e vignette umoristiche hanno fatto della Settimana Enigmistica, come insegna il famoso slogan, «la rivista che vanta innumerevoli tentativi d’imitazione»…Siamo andati a trovare Bartezzaghi allo Iulm di Milano, dove dallo scorso ottobre insegna Semiotica dell’enigma: «Posso dirvi poco, e in realtà ne so poco anche io»…«La loro forza è la tradizione,» dice al telefono un collaboratore della Settimana Enigmistica che chiede l’anonimato: «Periodicamente vengono fatte delle proposte di rinnovamento grafico e dei contenuti, ma è una macchina lenta. L’unica piccola rivoluzione è stata l’introduzione del colore, ogni tanto».
La Settimana Enigmistica, priva di pubblicità e riservatissima, la scorsa estate è ricomparsa sul piccolo schermo grazie a una serie di brevi spot realizzati da Ogilvy&Mether. «Per noi è qualcosa di più di una semplice rivista,» spiega Roberto Greco, direttore creativo dell’agenzia: «A noi, come a tanti Italiani, piace perché è sempre se stessa: non ha ceduto alla lusinga del colore, non ha concesso pagine alla pubblicità, non ha cambiato quasi nulla. Quindi, andava fatta solo una cosa: celebrare una delle icone rimaste in Italia.»…Insomma, l’enigma della Settimana resta irrisolto ma, se è vero che non siamo riusciti a vedere le scrivanie di Anderson, Urania, Mad e Max (non manca il senso dell’umorismo da quelle parti), una cosa comunque l’abbiamo scoperta: non usano i computer, preparano ancora i cruciverba con un foglio di carta e una matita. Ecco dove forse sta il fallimento degli innumerevoli tentativi di imitazione. Nella tecnologia.”

Da rivistastudio.com!! Vi incollo il link: http://www.rivistastudio.com/editoriali/media-innovazione/lenigma-della-settimana/

20130629-194259.jpg

Letture erotiche in treno NO!

Insieme alla trilogia di 50 sfumature trovai per caso “A nudo per te” di Sylvia Day, pubblicizzato come il romanzo erotico in testa alle classifiche mondiali con non so quante copie vendute. Decisi di comprarlo. Quanto meno per avere un termine di paragone..e anche perché mi incuriosiva. Ho iniziato a leggerlo da poco, la storia è praticamente identica alla trilogia di E L James(ragazze intelligenti, brillanti ed inconsapevolmente belle che cedono al fascino dei ragazzi sotto i 30 proprietari di ogni cosa in una qualche importante città americana,ovviamente con passati complicati,tizie gelose che li ostacolano, ecc). Decido per la seconda volta in vita mia di leggere in treno, di leggerLO in treno. Pessima idea. Mi ritrovo ad una descrizione del tipo: “la sua lingua morbida e vellutata guizzò sul mio clitoride turgido” ed imbarazzatissima mi guardo attorno in cerca dei classici sbircioni. Mi sono ritrovata a leggere con il libro aperto praticamente sotto il mento, con la copertina a sinistra messa a mò di barriera, cercando di coprire le pagine in tutti i modi…Penso di essere stata più concentrata nel cercare la posizione strategica del libro alla lettura vera e propria. Non sono stata molto furba neanche in questo. Avrò solo attirato di più l’attenzione ed ovviamente al momento di prepararsi a scendere dal treno mi sentivo puntati addosso gli occhi di tutti, non so se sia stato per il libro o perché stavo per uccidermi ed uccidere tentando di prendere la valigia dalla cappelliera. Comunque, a chiunque decida di leggere qualcosa del genere, NO MEZZI PUBBLICI!
X

Ps: Donne con colori,tratti,gusti sessuali ed hobby simili.

20130628-232426.jpg

Caos e voglia di libertà

Durante la mia assenza di quasi un mese sono successe tantissime, troppe cose. Ma non è una novità per me, diciamo che la monotonia non ha mai fatto parte della mia vita. Mi sono trovata nel vortice di una storia impossibile ,ma sia chiaro, non stile Romeo e Giulietta, di quelle che attirano e ti travolgono di passione. NO. Questa mi ha travolto, ma di ansia, agitazione ed insulti di ogni tipo. Nonostante i numerosi momenti belli era arrivato il momento di metterci un punto gigante, di stenderci sopra uno spesso tappeto pieno di colori e vitalità, saltandoci su per appiattire ciò che nasconde. Per me, per la mia felicità. Anche solo aver preso questa decisione mi fa sentire più tranquilla, mi vedo più sorridente. Nonostante sia nel mio carattere affrontare la vita con una curva all’insù, sento i miei sorrisi più sinceri e questo mi piace. Visti i tristi avvenimenti di questo 2013(che vanno ben oltre la fine di una storia ovviamente), dopo averli in parte superati contro ogni aspettativa iniziale, sento la necessità di non sfidare il destino nella seconda metà di questo anno, sento la necessità di rilassarmi, di andare dove la mia mente è libera di vagare tra pensieri belli e positivi, di sentire ogni piccola parte di me calma e spensierata. Sento la necessità di stare sola sentimentalmente e godermi ciò che di positivo ha da offrire la mia vita. Tutti lo desiderano credo, ma ci sono pochi momenti dove questa diventa davvero una necessità, un’urgente necessità. Spero di riuscire a passare almeno Agosto nel relax totale. Tu ,caro foglio virtuale, sarai il primo a saperlo! X