Sara Tommasi. Che tristezza

Una ragazza che si è fatta travolgere dal mondo dello spettacolo e ne è letteralmente rimasta sotto(in più sensi). Provo pena nel vedere una ragazza che passa dalla piena vitalità del suo ridicolo personaggio all’avere uno sguardo spento, una voce strana che riflette tutta la stupidaggine del personaggio che vuole essere. A me sta ragazza fa paura,quando leggo che ha postato un nuove video mi viene la pelle d’oca. Sicuramente le piace l’attenzione mediatica derivata da una qualsiasi delle sue stupide azioni, ma in che percentuale è una vittima? La costringono? La ricattano? La drogano o si droga spontaneamente? Finge o è una ragazza con seri problemi? Non riesco a capirlo, preferisco credere che sia una vittima inconsapevole dello show business. Non è possibile ridursi così volontariamente. E non per i film porno, o perché si mostra nuda in pubblico, è proprio fuori come un attico al ventesimo piano! È una bella ragazza che non si cura neanche più, ha sempre i capelli spettinati e crespi,non si trucca quasi, si veste di merda e sembra perennemente addormentata! Ma i genitori non fanno nulla? Perché non le fanno un agguato e la portano legata ed imbavagliata in una clinica psichiatrica? Così, giusto per cacciarsi il dubbio!

Ecco una lettera scritta da Martina Panagia per panorama.it.

Ciao Sara, mi ero stancata di leggere ovunque su web e giornali di quanto fosse pessimo il tuo film e di quanto tu sembrassi scialba, così ho deciso di vederlo per farmi un’ opinione personale. Non sono nemmeno riuscita a guardarlo tutto. Ti osservavo e continuavo a chiedermi quali fossero stati i motivi che hanno spinto la ragazza che eri a diventare la donna che sei.
Durante il film non mi sono sdegnata, né schifata, né divertita. Intorno a me, gli amici ridevano per gli occhi strabuzzati, per le parrucche colorate, per la faccia ridicola ed assente e per l’aria stralunata che non ti abbandonava mai. Io invece no. Io mi chiedevo cosa ti aveva spinto ad accettare quel ruolo.
Non raccontare balle: tu non hai girato il film hard perché, come dici all’inizio della pellicola “Mi piace il sesso, mi piace godere e la mia vita è stata sempre dominata dalle tre S: Il sesso porta soldi e i soldi portano successo.” Secondo me, tu nemmeno sai perché sei finita lì. Ti sei fatta probabilmente trasportare da situazioni che ti sono sfuggite di mano, hai seguito consigli sbagliati, hai fiutato soldi, firmato un contratto e ti sei ritrovata all’improvviso con una telecamera davanti e due uomini che ti hanno spogliata.
Attenzione, non intendo assolutamente dire che sei stata forzata a fare cose che non avresti voluto o che non avessi mai fatto, ma secondo me non ti eri resa pienamente conto di quanto fosse diverso fare sesso nell’intimità rispetto al farlo su un set, dove le esigenze sceniche e di tempi comandano. Non c’è modo di fermarti se sei stanca e non c’è posto per i capricci e per fare quello che realmente ti piace, ma devi stare alla sceneggiatura ed a quello che ti dicono. Forse te ne sei accorta troppo tardi e forse hai dovuto bere parecchi cocktail per sopportare le scene da girare. Ce ne è stata una che mi ha gelato il sangue: tra due uomini, entrambi dentro di te, uno ti cinge da dietro ed uno da sotto. Spingono contemporaneamente con così tanta violenza che era evidente ti stessero facendo male. Mi sono chiesta perché avessi accettato tutto ciò. Non sei un’attrice porno, sei solo una ragazza a cui piace divertirsi a letto e che ha scoperto nel modo peggiore cosa può significare fare diventare il sesso un lavoro.
Fermati Sara. Fermati perché secondo me non stai andando dove vorresti. Cambia aria, fai un bel viaggio, allontanati dalle persone che frequenti perché ti stanno dando consigli non adatti a te. Isolati un po’ e cerca di ritrovare te stessa. Io sono per la libertà di pensiero, ciascuno può fare quello che vuole della sua vita, ma solo se ne è consapevole. E nei tuoi occhi, Sara, non ho visto niente. Non ho visto droghe, non ho visto pazzia, non ho visto desideri, non ho visto speranza, ma non ho visto vita.

E voi? Che ne pensate?

20130701-122947.jpg

Letture erotiche in treno NO!

Insieme alla trilogia di 50 sfumature trovai per caso “A nudo per te” di Sylvia Day, pubblicizzato come il romanzo erotico in testa alle classifiche mondiali con non so quante copie vendute. Decisi di comprarlo. Quanto meno per avere un termine di paragone..e anche perché mi incuriosiva. Ho iniziato a leggerlo da poco, la storia è praticamente identica alla trilogia di E L James(ragazze intelligenti, brillanti ed inconsapevolmente belle che cedono al fascino dei ragazzi sotto i 30 proprietari di ogni cosa in una qualche importante città americana,ovviamente con passati complicati,tizie gelose che li ostacolano, ecc). Decido per la seconda volta in vita mia di leggere in treno, di leggerLO in treno. Pessima idea. Mi ritrovo ad una descrizione del tipo: “la sua lingua morbida e vellutata guizzò sul mio clitoride turgido” ed imbarazzatissima mi guardo attorno in cerca dei classici sbircioni. Mi sono ritrovata a leggere con il libro aperto praticamente sotto il mento, con la copertina a sinistra messa a mò di barriera, cercando di coprire le pagine in tutti i modi…Penso di essere stata più concentrata nel cercare la posizione strategica del libro alla lettura vera e propria. Non sono stata molto furba neanche in questo. Avrò solo attirato di più l’attenzione ed ovviamente al momento di prepararsi a scendere dal treno mi sentivo puntati addosso gli occhi di tutti, non so se sia stato per il libro o perché stavo per uccidermi ed uccidere tentando di prendere la valigia dalla cappelliera. Comunque, a chiunque decida di leggere qualcosa del genere, NO MEZZI PUBBLICI!
X

Ps: Donne con colori,tratti,gusti sessuali ed hobby simili.

20130628-232426.jpg

50 Sfumature di…

..l’avevo detto e l’ho fatto, li ho letti tutti e 3 e devo dire che sono rimasta piacevolmente colpita. Oltre le scene di sesso esplicitamente raccontate ed i termini un pò forti, si basa tutto su storie che mirano alla debolezza di noi donne: il romanticismo, le storie impossibili che diventano possibili con un finale stile famiglia del Mulino Bianco(non certamente Banderas spogliato di tutto il suo sex appeal che riempie i Flauti di cioccolato!).   Sinceramente, le scene in cui i due protagonisti fanno sesso(e sono davvero tante, fortunati loro!) non sono così dure e crude, lui ha queste necessità di controllo che sfoga con il sesso e lei col tempo lo fa cambiare, facendogli provare emozioni che non conosceva. Quindi tutto questo sadomaso sconcertante io non l’ho visto e questo mi ha fatto piacere. Ovviamente la scrittrice usa ogni arma per colpire il fragile cuore femminile, facendo fantasticare ed aumentare le aspettative nella vita reale a livelli esagerati. Io mi chiedo, ma perché non si legge mai di donne che si innamorano di uomini brutti, o almeno che rientrano nella norma? Ovviamente oltre ad essere belli sono quasi sempre ricchissimi ed eleganti, o passando all’estremo opposto, squattrinati..Addio vie di mezzo, così quando un semplice impiegato da 1.500€ mensili, carino con un paio di jeans ed una t-shirt, stile tempo libero nel weekend, ti schiva per evitare un bel frontale, tu sei troppo impegnata a guardare chi guida il Ferrari che sfreccia accanto ed ecco fatto come si perdono le occasioni della vita! Ritornando alla storia, abbiamo: lui e l’infanzia difficile, i problemi adolescenziali, la stronza pedofila che lo sottomette, la protagonista e la sua verginità, fanno sesso “alla vaniglia”, appena lui supera il limite lei lo abbandona, lui impazzisce, tornano insieme, si dicono che si amano, si sposano ed hanno dei bambini. Il tutto contornato da persone che vogliono ucciderli o rovinarli. Insomma a parte tutto è una semplice lettura rosa per donne con la passione per le storie d’amore difficili….praticamente tutte. Quindi, se siete sole e depresse e volete deprimervi di più leggendo di uomini belli, atletici e premurosi, di case ultra moderne e costose, di sesso magnifico ed appagante (intorno alle 3 volte al giorno) e regali costosissimi, personalizzati ed azzaccati che forse non avrete mai, ecco a voi un libro adatto!!!